GELSIBACHICOLTURA E COOPERAZIONE SOCIALE: NASCE IL COORDINAMENTO

setacoop1I bachi piacciono alle cooperative sociali. Sembra una battuta, e invece è vero: la prova è che a febbraio è nato -presso Federsolidarietà Confcooperative – il Coordinamento tecnico per lo sviluppo della filiera della gelsibachicoltura.

Al coordinamento (che fin dalla sua prima riunione si è aperto ad altri enti no profit) aderiscono ad oggi 19 realtà e si propone di sostenere lo sviluppo delle attività di gelsibachicoltura come risorsa per lo sviluppo locale e la coesione sociale. Per fare ciò il coordinamento si propone di:

  • Sostenere lo scambio di buone prassi tra chi si occupa di gelsibachicoltura;
  • Acquisire e condividere conoscenze e competenze di filiera: dalla sostenibilità ai nuovi prodotti, dalle tecniche di allevamento a quelle di produzione di filati e in ogni altro ambito connesso;
  • Favorire sinergie di filiera;
  • Consolidare le opportunità di mercato interno e di posizionamento su mercati esterni;
  • Favorire la partecipazione in rete a bandi e finanziamenti;
  • Facilitare le relazioni con organismi nazionali e internazionali.

In fase di avvio la funzione di referenza del Coordinamento è assunta dalla Cooperativa sociale Tikvà – Economie Territoriali Inclusive di Como, che è stata promotrice del coordinamento stesso e che fa da riferimento per chiunque voglia avere più informazioni o aderire al progetto.


Per maggiori informazioni: Francesca Paini: frapaini@gmail.com – 333.44.44.893