BRESSANVIDO – PRIMO FESTIVAL DELL’AGRICOLTURA: PARTECIPA ANCHE IL CANTIERE DEL BACO

Il progetto della “La Via Etica della Seta” vi aspetta all’ interno della tradizionale Festa della Transumanza di Bressanvido (VI), giunta alla sua XVII edizione: un percorso di 80 km, oltre 600 bovini, un’affluenza di oltre 30.000 visitatori, classificano la Transumanza di Bressanvido tra le più importanti di Europa. Ogni anno a fine settembre si attende lo spettacolare arrivo della Transumanza che vede protagonista la mandria che scende da Marcesina, sull’Altopiano di Asiago, per il rientro in paese dopo l’alpeggio nei mesi estivi.

Tra le novità di quest’anno anche la prima edizione del Festival dell’Agricoltura, in programma dal 30 settembre al 3 ottobre 2015 , che si affaccia per la prima volta offrendo un palcoscenico atto a valorizzare le produzioni e gli artigiani locali. Apicoltura, Pollicoltura ma soprattutto Bachicoltura, questi i temi trattati attraverso laboratori e interventi specifici, con l’obiettivo di valorizzare le eccellenze del territorio.

Venerdì 2, il Festival vedrà il Cantiere del Baco impegnato con le scuole in mattinata dalle 9.00 alle 12.30 per una serie di laboratori didattici sull’allevamento dei bachi, la loro alimentazione e biologia, la trattura della seta. Un tema centrale sarà quello del baco da seta come sentinella dell’ambiente, con un NO all’uso feroce di fitofarmaci in agricoltura, in particolare di quelli di tipo Insegar (principio attivo fenoxycarb) che nel passato ha danneggiato, e non di poco, la gelsibachicoltura in Italia.

Invece, Seta Etica vi aspetta, venerdi 2 e sabato 3 Ottobre 2015, dalle 18:00 alle 20:00. con seri-meeting sulla lavorazione della seta, ricerca ed innovazione. I relatori invitati sono Silvia Cappellozza, ricercatrice a capo del CRA-API (adesso CREA) – Unita di bachicoltura di Padova e Salvatore Gullì, ingegnere dell’automazione specializzato in tecnologie delle filande.

Per saperne di più sui nostri laboratori e registrarti, clicca qui.

Vedi anche inserto speciale su Il Giornale di Vicenza

 

SWISS SILK: LA RINASCITA DELLA VIA DELLA SETA RIPARTE DALLE CAMPAGNE

Abhaspeln-Strangenmachen-3a

A cura di Simone Palma, Eric E. van Monckhoven e Silvia Cappellozza.

Sabato 19 Settembre un gruppo di lavoro composto da Silvia Cappellozza del centro Crea di Padova, Angelo Paganin, Eric E. van Monckhoven e Simone Palma della Cooperativa sociale Cantiere della Provvidenza di Belluno, partecipanti alla rete d’impresa Seta Etica, si è recato in visita di studio presso gli allevatori di bachi svizzeri dell’associazione Swiss Silk. L’associazione raggruppa tutti gli attori della filiera sericola svizzera, dai bachicoltori e trasformatori ai consumatori.

Il viaggio ha avuto come scopo lo scambio di informazioni sulle tecniche allevatorie e gelsicole, e la costruzione di una base per futuri progetti di collaborazione tra i due paesi.

Nella mattinata, dopo una piccola presentazione del progetto, abbiamo visitato l’allevamento e il gelseto del coordinatore dell’associazione dei produttori svizzeri, Ueli Ramseier, nel piccolo villaggio di Hinterkappelen, cantone di Berna.

Con sua moglie Bettina, Ueli alleva bachi da seta, le cui uova sono fornite dal CREA di Padova, in un locale non originariamente progettato per la bachicoltura, ma, grazie ad abile recupero, attrezzato come stanza d’allevamento con controllo della temperatura, umidità e ventilazione. L’allevamento, dalla prima alla quinta età, si svolge in più cicli nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre. La capacità media annua di produzione è di 4 telaini.

Il gelseto, che produce foglie fresche per l’allevamento si trova a circa 300 m di distanza su un terreno di circa 0,5 ettari. Comprende 700 piante di varietà diverse. Il gelseto è stato piantato nel 2009-2012 ed è condotto secondo metodi dell’agricoltura biologica. I maggiori problemi legati alla coltivazione del gelso sono rappresentati da alcuni funghi, in particolare presenti sulle varietà europee, e dalla presenza di arvicole che attaccano le radici delle piante.

Nel pomeriggio, assieme a Ueli Ramseier, la delegazione italiana si è trasferita presso un altra coppia di allevatori part-time della rete svizzera, Manuela e Martin Friedrich di Rosshausem, che hanno visto nell’allevamento dei bachi un’alternativa all’allevamento delle vacche, attività che praticano da molti anni ma che è diventata poca redditizia, a fronte di spese e impegni relativamente consistenti.

Con la coltivazione di 250 piante di gelso sostengono un allevamento di 1,5 telaini/anno. I bachi di terza età sono comprati da Ueli e Bettina.

Oltre ad essere attrezzati per la gestione e manutenzione del gelseto, e per l’allevamento dei bachi, sono dotati da una macchina per lo sboscamento dei bozzoli e di un essiccatoio (capacità 2 telaini/turno).

Una delle ulteriori motivazioni della coppia è rappresentata dalla possibilità di organizzare attività socio-educative incentrate sull’allevamento dei bachi (visite didattiche al gelseto e allevamento, vendita dei prodotti locali con cena o pranzo in azienda, ecc.), altra fonte di reddito per la famiglia.

Sul tardo pomeriggio, la delegazione si è poi recata al laboratorio di torcitura allestito con macchine acquisite direttamente in India che permettono all’associazione di produrre 15-16 kg di filo grezzo di qualità 4-4a. Il filo viene poi usato per la produzione di cravatte e tessuti. Per la distribuzione dei suoi prodotti, l’associazione usa vari canali tra cui il web e la vendita diretta presso le proprie aziende agricole. Maggiori informazioni sono disponibili sul loro sito Internet.

La chiave di successo dell’iniziativa, partita circa 9 anni fa, risiede nel tempo dedicato all’assistenza tecnica  agli agricoltori (una decina), alla formazione continua e al metodo di peer reviewing (valutazione tra pari) per garantire maggiore qualità lungo l’intera filiera primaria. A tale scopo sono stati prodotti un manuale pratico e varie schede di monitoraggio. Dalla visita sono emerse nuove possibilità di sviluppo per le relazioni tra Swiss Silk e la rete d’impresa italiana nello scambio di conoscenze e ‘buone pratiche’, e la creazione di un network europeo di produttori.

Attualmente la collaborazione tra i due paesi è veicolata dal centro di ricerca CREA di Padova che fornisce le uova per tutti gli allevatori svizzeri e che offre consulenza per il superamento delle difficoltà insite nei piani di sviluppo degli allevatori d’oltralpe.

Tra i problemi più consistenti cui gli allevatori svizzeri devono fare fronte, c’è quello della diffusione in agricoltura di fitofarmaci, tipo Insegar (principio attivo fenoxycarb), che creano danni irrimediabili agli allevamenti di baco da seta interferendo pericolosamente con lo sviluppo delle larve. Tuttavia, nonostante le difficoltà, il progetto cresce costantemente con l’interessamento e il coinvolgimento di varie categorie di attori e del grande pubblico (turismo rurale, fattorie didattiche).

Stand-bei-weisbrod-am-23.08.2013

La delegazione italiana ritiene di prima importanza lo strumento scelto per lo scambio di informazione ed esperienza, quale la visita di studio presso realtà diverse ma complementari. Di grande interesse è stato l’incontro e confronto con allevatori che operano in un territorio che offre similitudini (clima, orografia, ecc.) con il territorio pedemontano bellunese. Sicuramente, il modello di rete locale di bachicoltori risponde molto bene anche alle esigenze dell’area d’attività del Cantiere della Provvidenza. Infine, i membri dell’associazione Swiss Silk ci hanno dimostrato che la perseveranza, la passione, la professionalità, e un modello organizzativo articolato dal basso intorno ad una visione condivisa, sono ottime armi per combattere le difficoltà e sormontare gli ostacoli.

ECOFUTURO ATTRAVERSO LA RINASCITA DELLA VIA ETICA DELLA SETA

Come annunciato nel post precedente, la rete Seta Etica aveva un importante appuntamento i primi di settembre ad Alcatraz (Umbria) per la manifestazione Ecofuturo. Molto interessante, oltre i numerosi contatti, la messa online del video che illustra tutta la filiera innovativa alla quale si lavora da ormai tre anni.


Dal sito www.setaetica.it

Dopo il successo della prima edizione, a settembre è tornato EcoFuturo, il Festival delle EcoTecnologie e dell’Autocostruzione.

Da martedì 1 a domenica 6 settembre la Via Etica della Seta è stata presente all’evento con uno stand che ha ricostruito tutta la filiera di produzione della seta, dal gelso ai gioielli in seta e oro, passando per l’allevamento del baco da seta.

Nel focus di approfondimento pomeridiano di mercoledì 2 settembre si è parlato dei risultati e del futuro del progetto “La Via Etica della Seta” insieme a Giampietro Zonta e Daniela Raccanello di D’orica, Silvia Cappellozza del CRA-API di Padova, Claudio Gheller di Veneto Marketing e con la partecipazione di Salvatore Gulli.

volantino_ecofuturo


testata-ecofuturo

Ecofuturo non è soltanto una fiera di innovazioni ecotecnologiche. Nasce dall’incontro di alcune persone e realtà che insieme maturano una precisa consapevolezza: quella che in Italia esiste un patrimomio straordinario di idee, esperienze e progettualità che coinvolge l’ecologismo in tutte le sue diverse espressioni.

Un patrimonio troppo spesso invisibile. Associazionismo, imprese innovative, amministrazioni virtuose, mondo della ricerca e dell’informazione spesso rappresentano delle vere e proprie eccellenze, a livello europeo e in alcuni casi addirittura mondiale.

Per vedere tutti gli interventi dei relatori clicca qui

> PROGRAMMA COMPLETO dell’evento