PREOCCUPAZIONI PER IL FUTURO DEL CRA-API DI PADOVA

CRA-API_Padova-10

Nel quadro della ristrutturazione dei centri di ricerca agricola del CRA (Consiglio per la ricerca in agricoltura) è stata delineata una prospettiva assai preoccupante per il rilancio della gelsibachicoltura italiana in quanto non è ancora chiara la sorte del l’Unità di ricerca in bachicoltura con sede a Padova. Essa potrebbe essere accorpata con altri istituti a Firenze o Bologna con conseguenze molto negative per il settore che sta vivendo una ripresa.

Da mesi, il Cantiere della Provvidenza SPA – Società cooperativa ONLUS si è mobilitato a vari livelli sottolineando le potenzialità del settore e l’importanza di mantenere in Italia le capacità di ricerca che sono di alto livello rispetto ad altri paesi. Siamo sicuri che le persone incaricate per definire il nuovo piano di riorganizzazione del CRA saranno capaci di valutare in modo positive le nostre richieste e quelle dei nostri partner per mantenere in vita una struttura indispensabile alla rinascita della via della seta in Veneto, e non solo.

Condividiamo con voi  qui di seguito l’articolo apparso su IL MATTINO DI PADOVA di recente.

Si legge:

”Ha sede a Padova uno dei più avanzati centri di ricerca sul sistema della produzione della seta nel mondo. Un primato che la città rischia di perdere dopo i tagli previsti dalla legge di stabilità 2015 che impone il taglio del 50% delle articolazioni locali dei Cra – Inea (Consiglio per la ricerca in agricoltura). Una razionalizzazione che farebbe prendere la via di Firenze al centro di ricerca (Cra-Api) di Padova specializzato nella bachicoltura da seta. Un danno significativo per un settore che, pure scomparso da oltre 50 anni in Italia, ora punta ad una rinascita grazie ai brevetti del Cra di via Newton a Brusegana e alle attività de “La Rinascita della Via della Seta”, la rete d’imprese che ha ricostruito e riorganizzato l’intero ciclo della seta, dalla coltivazione del gelso all’allevamento dei bachi, fino alla trasformazione del filato ed alla realizzazione di gioielli in seta ed oro disegnati e commercializzati da d’Orica.”

Per maggiori info sulla Conferenza stampa del 17 giugno, clicca qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...