PROGETTO DELLA RETE VENETA PREMIATO A BRUXELLES

Riproponiamo di seguito l’articolo di Energitismo riguardo la premiazione a Bruxelles il 27 e 28 aprile del progetto di rete d’imprese “La Rinascita della Via della Seta” , di cui fa anche parte la cooperativa sociale Cantiere della Provvidenza
Articolo originale

Un filo di seta che arriva fino a Bruxelles

_121-65108

L’Europa premia il progetto “La Rinascita della Via della Seta”. La Commissione Europea ha selezionato i migliori quattro progetti di rete, tra le numerosissime candidature provenienti da tutta Europa. Un risultato importante che potenzia D’orica e la Rete d’imprese con cui ha avviato la produzione di gioielli in seta italiana e oro a livello internazionale.

Il 27 e 28 Aprile 2015 il progetto “La Rinascita della Via della Seta” sarà presentato a Bruxelles, presso la sede della Commissione Europea, durante l’evento “Grow your Region” dedicato ai cluster (gruppi di imprese che cooperano) e alle smart specialization (strategie regionali per la ricerca e le specializzazioni intelligenti). Candidato dalla Regione Veneto e unico selezionato in Italia, questo progetto sarà preso ad esame per ricavarne delle best practices per il settore Ricerca & Innovazione comunitaria da diffondere alle imprese dei 28 Stati membri.

A4_bruxelles

A rappresentare la Regione del Veneto e la Rete d’imprese saranno Claudia Bettiol, Presidente di Energitismo e Claudio Gheller, AD di Veneto Marketing, Project Manager della Rete d’imprese.

L’evento, che coinvolgerà una platea internazionale, approfondirà il successo del processo di filiera evidenziando l’innegabile valore delle piccole e medie imprese artigianali, che Energitismo – Handmade Elegance promuove e valorizza raccontando le storie di imprenditori, artigiani ed artisti.

Per ulteriori informazioni: info@fairsilkway.com

CONFERENZA BACSA 2015: IMPORTANTE APPUNTAMENTO PER LA SERICOLTURA EUROPEA E NON SOLO.

.bacsa2015

Dal 19 al 24 aprile 2015 si è tenuto a Sinaia, in Romania il settimo congresso della Black and Caspian Seas and Central Asia Silk Association (BACSA). La conferenza si è intitolata “ORGASERI – Sericoltura Biologica: attualità e futuro

Hanno partecipato i delegati di numerosi Paesi membri (Bulgaria, Romania, Polonia, Italia, Francia, Germania, Grecia, Azerbaijan, Georgia) ed anche delegati da Paesi osservatori quali Cina, Corea, Tailandia. Il congresso ha presentato la situazione della sericoltura dei diversi Paesi (in particolare la decisione di Romania e Grecia di sostenere il prezzo del telaino di seme-bachi, dal 2015 al 2020, secondo la possibilità concessa dalla CE agli stati membri di mettere in campo un aiuto disaccoppiato); ha, inoltre, posto l’accento sulle potenzialità offerte dalla bachicoltura e gelsicoltura secondo i metodi dell’agricoltura biologica per la produzione di seta europea, secondo lo standard GOTS (Global Organic Textile Standard), già esistente per i prodotti tessili.

Sono stati presentati il nuovo disciplinare per la gelsibachicoltura biologica, approvato a Marzo 2015 dal MIPAAF italiano e scaturito dalla collaborazione di ICEA e CRA-API (Padova) e l’esperienza sul biologico (ancora iniziale) della Tailandia.

seta bio

Erano presenti al congresso per l’Italia la dott.ssa Silvia Cappellozza (CRA-API, Padova) e il dott. Luca Corelli, agronomo dell’Associazione SERIT.

Dal sito della conferenza saranno nei prossimi mesi scaricabili: le presentazioni effettuate durante il congresso, gli atti del congresso e le foto.